Zuppa di latte di cocco con gamberi

Ecco un ottimo esempio della dolcezza del cocco unita al gusto piccante del peperoncino…lo zenzero e il limone avvolgono i gamberi e la danza di sapori crea un piatto deciso ma allo stesso tempo soave. Da accompagnare con un vino bianco aromatico, come il Donnafugata siciliano o il Traminer.

Ingredienti per 4 persone: 150 gr di gamberi bolliti, 3 dl di latte di cocco, 1 mazzo di cipollotti, 300 gr di pomodori, 1 cucchiaino di zenzero grattuggiato, 2 peperoncini rossi piccanti, 6 dl di brodo vegetale,  3 cucchiai di salsa di soia, 2 cucchiai di succo di limone, 1 cucchiaio di olio.

zuppa thai

Preparazione: lavate i cipollotti e tritate la parte bianca e quella verde chiaro. Sbollentate i pomodori, eliminate pelle e semi e tagliateli a dadini, nel frattempo sgusciante i gamberi lasciando la coda. Scaldate l’olio in una padella e appassitevi i cipollotti, lo zenzero e i peperoncini. Versate brodo e latte di cocco e, continuando a mescolare, cuocete per circa 5 minuti dopo l’ebollizione. Unite poi i gamberi e i dadini di pomodoro. Per finire, insaporite con salsa di soia e succo di limone.

Credits

Advertisements

Gallinelle al forno con la zucca

Al Carrefour ho trovato i filetti di gallinella … 190gr. a 2.50€, già puliti e pronti da cucinare.

Impanati (senza uovo) con una mescola di pangrattato, rosmarino, peperoncino, semi di cumino e sale. Disposti sulla teglia ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata, un filo d’olio per terminare.

A parte la zucca. Prima un soffritto di scalogno e sedano, poi la zucca fatta rosolare. Infine il tutto ricoperto da una crema di latte di cocco, curry, zenzero in polvere e cumino in polvere. Anche un pizzico di sale e acqua per allungare. Nella pentola a pressione per una decina di minuti, sino a che la zucca si spappola e la crema si addensa.

Tempo totale di preparazione: 15 min. Poi mentre il forno e la pentola a pressione lavoravano da soli, io mi sono fatta una doccia rigenerante dagli 8 km corsi al parco. Chissà com’è che le ricette migliori mi vengono dopo gli allenamenti!

Il miglio (e i semi di canapa)

Avevo già cucinato il miglio in passato, un pranzo che eravamo solo io e mio papà. Mi viene ancora da ridere se ripenso all’espressione sconsolata di mio papà mentre guarda nel piatto e dice con un filo di voce “Ma mangiamo come gli uccellini?”

Cotto in pentola a pressione (pensavo di dimezzare i tempi scritti sulla busta, invece a 10 minuti già emanava odore di bruciato) diventa gonfio e compatto, e non è poi così diverso dal riso. Anche se l’aspetto non incoraggiava, l’ho preparato in insalata e in effetti, una volta freddo, si sgrana facilmente.
Google ne elenca innumerevoli benefici, tra cui la presenza di tutti gli aminoacidi essenziali. Un po’ come i semi di canapa. Insomma, più si diffondono i vegani più si arricchisce la lista di prodotti che possono egregiamente sostituire la carne. Ma che fortunata coincidenza!

A me della lista di aminoacidi importa poco, ma la consistenza morbida e scoppiettante mi attira moltissimo.
In rete abbondano le ricette per cucinarlo sotto forma di polpette. To be tested very soon …

biscotti al microonde

Ingredienti per circa 17/18 biscotti
100 gr di burro
50 gr di zucchero
1 uovo
130 gr di farina
1/2 cucchiaino di baking powder

Per guarnirli ho usato
30 gr di scaglie di cioccolato fondente
20 gr di uvetta

Voi potete farli anche senza guarnizione oppure guarnirli tutti con un solo ingrediente. In quel caso ci vorranno 50 gr in totale.

La prima volta che li ho fatti li ho provati con le gocce di cioccolato…
Buonissimi!!! Oggi ho voluto sperimentare con voi!!

i miei contatti
la mia pagina fb https://www.facebook.com/Fortulenacuc…
il mio blog http://fortulenacucinaecrea.blogspot.it/
il mio instagram http://instagram.com/fortunellalena84
il mio pinterest http://www.pinterest.com/lena8487/

Del pesto e dello snobismo culinario

Mentre Cracco e Oldani disquisiscono rispettivamente sull’aglio e sul burro nelle rispettive preparazioni di amatriciana e pesto, io nel mio piccolo ho scoperto che lo yogurt greco (quello magro, da 59Kcal ogni 100g) è perfetto da mescolare alle salse e ai sughi più disparati che trovo nel mio frigo. Dalla maionese vegana di riso (olio di girasole chimicamente modificato per sembrare bianco e cremoso, non prendiamoci in giro!), al pesto Barilla che, come tutti i sughi pronti, è eccessivamente denso ed eccessivamente saporito. Così alleggerisco la salsina in cui intingere le polpette e i gnocchetti rimangono molto più delicati.

Quanto alla polemica delle ricette tradizionali, io sono ovviamente una allergica al rigore culinario. E poi le ricette tradizionali sono per definizione caserecce e fantasiose. Il perfezionismo, nonchè l’altisonante terminologia, è stata introdotta dai ristoranti quando è stata ora di far pagare fior di quattrini per una banalissima pasta con il sugo.

Come non ricordare del resto la mia nonna sicula, che preparava la pasta con il sugo di pomodoro, le melanzane fritte e la ricotta salata come piatto base del pranzo quotidiano, e che quando mia mamma le disse “oh, hai fatto la Pasta alla Norma” lei rispose “macché pasta della nonna e pasta della nonna! Ista è la pasta con la salsa!” (detto ovviamente in stretto dialetto siciliano, che io non so imitare né traslitterare in un testo)

Salsa BBQ (forse)

Ho copiato gli ingredienti su un tovagliolino del bar al rifugio sulle piste di Champorcher. Se li ho copiati (e se conservo il tovagliolino in borsa da un mese e mezzo) doveva esserci sicuramente una buona ragione. Quindi li riporto pari pari, in futuro proverò la salsa e scoprirò con cosa si abbina al meglio.

  • 2 cucchiai di ketchup
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • 1/2 cucchiaino salsa Worcester
  • 1 cucchiaino di senape di Digione
  • prezzemolo
  • dragoncello
  • scalogno

Pranzo della domenica con amici

Involtini di bresaola con formaggio Osella condito con olio, timo e maggiorana. Pomodorini conditi.

Pasta al forno carciofi e pancetta

Tomini al forno su letto di finocchi speziati (finocchi cucinati con noce moscata, sale, pepe, mandorle tritate e uvetta)

Patate al forno

Torta di mele e bignole (non é domenica senza le bignole in Piemonte! )